Il Prana

Prāṇa è un termine sanscrito che in origine significa vita, ma più ampiamente viene inteso come soffio vitale, energia vitale.
Che cos’è, dunque, il Prana? Una parola ormai diffusa, di cui molti non conoscono il significato.

Tutti gli esseri viventi, in quanto tali, sono dotati di Prāṇa, la cui conservazione deriva dal corretto svolgimento di tutte le funzioni psicologiche, emotive e fisiologiche necessarie al mantenimento armonico dell’equilibrio. E’ il soffio invisibile che unisce tutti gli esseri viventi e che dà loro vita.

Si dice che il Prāṇa è la somma di tutte le energie contenute nell’universo, è l’energia indifferenziata che pervade e anima tutto il creato e che si manifesta in ogni luogo ed in ogni momento in forme sempre differenti. Radiazioni elettromagnetiche, magnetismo, gravitazione e persino il pensiero rappresentano sottili forme di Prāṇa: noi esistiamo in un oceano di prâna. Il Prāṇa in realtà è una sola energia, ma appare molteplice osservandola nelle sue diverse funzioni.

Tutti gli esseri viventi esistono finché riescono ad assorbire Prāṇa attraverso il respiro, attraverso la pelle, attraverso il cibo. Quando questa energia divina entra in noi diventa Prāṇa individuale, che percorre e permea tutto il corpo come energia sottile della vita eterna.

In Occidente il termine Prāṇa viene definito anche Bioenergia intesa come energia biologica emessa da ogni sistema vivente.